Home » 2 - La scienza 2/2
Studio Sindone Facebook

Profilo Facebook

Studio Sindone YouTube

Seguici qui
sul canale YouTube!

Studio Sindone Vimeo

Seguici qui
sul canale Vimeo!


Seguici su Twitter!

Segnala il link!

Lettura del Volto

Novità
e nuove ricerche

Clicca qui
Studio Sindone Video

Nuovo video!
Vai alla pagina:

Clicca qui
QR-Code italiano

Segna nei preferiti
del cellulare!

Studio Sindone

Il nuovo sito di studio sulla Sindone: un fatto di ragione, non di fede

MESSAGGIO CIFRATO PER L'UOMO DEL 2000?

di Antonio Bonelli

Il conflitto tra fede e scienza, e tra fede e ragione,
è una delle più stupefacenti turlupinature della storia dell'umanità.

Sommario


Cosa ci dice la "scienza" - Seconda Parte

Cosa vuol dire negativo contrapposto a positivo? Si tratta per entrambi i termini di concetti meramente fotografici, ossia legati al fenomeno luce: in un positivo, come tutti sanno, le parti esposte appaiono chiare mentre quelle al buio risultano nere, con tutti i gradi intermedi di grigio in rapporto diretto alla quantità di luce e indipendentemente dalla distanza della fonte luminosa. E' il tipo di visione cui siamo abituati e che troviamo del tutto naturale. Esattamente inversa è la situazione nel negativo, come ben sa chiunque s'intenda anche poco di foto in bianco e nero. Con il nero al posto del bianco e il bianco al posto del nero, si ha quella particolare rappresentazione della realtà che, vista per trasparenza sul negativo o in stampa non corretta, troviamo assolutamente innaturale e chiaramente artefatta. Nel nostro caso, il confronto dell'immagine reale della Sindone con quella tradotta in positivo ci illustra compiutamente il fenomeno.

Il Volto in negativo

Fig. 3: il Volto in negativo

Doppio Volto: positivo e negativo

Fig. 4: accostamento tra il Volto in positivo,
come appare sulla Sindone,
e il Volto in negativo
(Fonte: Stevenson, Habermas)

Con la scoperta della negatività dell'immagine - perché di un'autentica scoperta si tratta - la Sindone diventa oggetto di ricerca scientifica proprio in quello scorcio di secolo in cui la ricerca stessa dilata i suoi orizzonti e celebra i suoi fasti in un clima di ottimismo e delirio di onnipotenza. E il rinnovato interesse si accende in modo clamoroso e provocatorio, con la dirompente irruenza di un vulcano che, non importa se dopo mezzo millennio o due millenni di quiete, d'un tratto esploda senza segni premonitori. Come si può spiegare l'esistenza di un negativo fotografico almeno cinque secoli prima della nascita della fotografia? E chi avrebbe potuto realizzarlo nel '300 o forse molto prima se è vero, come è vero, che a tutt'oggi non si conosce un solo dipinto eseguito in negativo? Ma supposto per absurdum che un formidabile genio dell'arte e della tecnica rimasto sorprendentemente anonimo(10) fosse stato capace di dipingerne uno, per quale motivo l'avrebbe fatto? Per divertimento? E non se ne avrebbe avuto notizia?

L'avvocato Pia, senza rendersene conto, aveva messo in moto un inarrestabile volano in pressoché tutti i campi dello scibile, persino, pensate un po', nella botanica (per la presenza di numerosissime tracce di polline di origine palestinese) e nella numismatica, che è lo studio delle monete. Del polline sparso sul Telo se ne è ampliamente discusso in molti ambiti e abbiamo perciò preferito non approfondirne la materia, anche perché a prescindere, resta necessario rispondere a due quesiti essenziali e strettamente correlati:

come si è formata quell'immagine già tanto straordinaria?
chi è il personaggio in essa raffigurato?


Note

(10) Da più parti si è si ipotizzato che l'immagine impressa sia opera di Leonardo da Vinci, e di chi altro? senza riflettere sul fatto che quando nel 1353 la Sindone giunse in Francia, mancava ancora un secolo alla sua venuta al mondo!